Differenza tra profumi naturali e profumi sintetici


Come riconoscere le caratteristiche di un profumo e soprattutto come si distinguono i profumi naturali da quelli sintetici all’interno di un prodotto cosmetico?


Cosa sono i profumi naturali

I profumi di origine naturale derivano dagli oli essenziali, a loro volta estratti da particolari piante o fiori. Senza l’utilizzo di alcun processo di sintetizzazione, gli uomini hanno sempre estratto in modo naturale le essenze che racchiudono i profumi della natura. Dagli antichi egizi, che già utilizzavano gli oli profumati, arriviamo fino all’Ottocento con tecniche più elaborate di profumeria, volte a bilanciare i profumi con note di varia intensità per un risultato armonico.

È nel Novecento che i primi elementi sintetici vengono inseriti nei profumi, per ovviare all’alta richiesta del mercato. I profumi sintetici, utilizzati al giorno d’oggi su larga scala, hanno via via standardizzato le profumazioni verso un’impronta più forte e intensa, che non corrispondono alla profumazione naturale, solitamente più delicata.

I profumi, per essere definiti naturali, devono essere ricavati da oli essenziali, acqua distillata e alcol vegetale. Si ottengono grazie alla spremitura, distillazione o vaporizzazione di oli provenienti da fiori, legname e agrumi.


Cosa sono i profumi sintetici 

I profumi sintetici sono realizzati in laboratorio, combinati con sostanze petrolchimiche e fissative che servono a far perdurare la profumazione sulla pelle. Sicuramente i profumi molecolari sono in grado di replicare molti profumi presenti in natura e ad espandere ulteriormente il ventaglio delle profumazioni, seppur in modo artificiale.

Lo svantaggio principale dei profumi molecolari è la formulazione, che essendo composta per un 40% da ingredienti sintetici rende il profumo più irritante e allergizzante rispetto a un profumo di origine naturale, che anche se può comunque dare una leggera allergia, rimane un prodotto meno aggressivo per la pelle.

Inoltre, recenti studi hanno dimostrato che i profumi sintetizzati in laboratorio contengono sostanze tossiche come il dietilftalato DEP, una tipologia di ftalati che trapassano l’epidermide ed entrano in circolo nel sangue. Sono stati infatti rilevati in concentrazione elevata nel sangue di donne (per la maggior parte) e uomini. Queste sostanze tossiche lungo andare possono causare problemi di asma, allergie, infertilità e tumore.

Per concludere possiamo dire che i profumi sintetici sono sicuramente più intensi, più duraturi e più variegati in termini di scelta ma decisamente più nocivi, sia per la salute che per l’ambiente. I profumi naturali hanno una varietà ridotta e sono meno permanenti sulla pelle ma hanno solo ingredienti naturali, non irritanti e non nocivi.


Il profumo nell’INCI dei tuoi cosmetici

Quando controlliamo l’INCI di un prodotto e troviamo la parola Parfum, possiamo dedurre che la profumazione inserita sia di origine sintetica. Diversamente se la profumazione è naturale, nell’INCI troveremo il nome botanico in latino della pianta o dei fiori da cui vengono estratti gli oli essenziali (per capire bene come si legge l’INCI di un prodotto puoi andare all’approfondimento qui).

I cosmetici solidi Effebio non hanno profumazioni sintetiche e vantano l’impiego esclusivo solo di oli essenziali che conferiscono una profumazione delicata e non invasiva ad ogni prodotto, rispettando la pelle e l’ambiente. Puoi prendere visione dell’INCI di ciascun prodotto Effebio all’interno della pagina corrispondente, sotto la voce “Descrizione”. In questo modo potrai vedere con mano la naturalezza dei nostri prodotti, ecologici, biologici, naturali e rispettosi dell’ambiente.